spam-in-serp

News

Un nuovo aggiornamento di algoritmo e Google limita lo spam in Serp

Da molto tempo se ne sentiva parlare, ma il problema del webspam nelle SERP sembrava non avere fine, almeno fino ad oggi! Per combattere questo fenomeno, Google ha aggiornato nuovamente il suo algoritmo per dare una svolta decisiva alla sua lotta allo spam: per BigG resta infatti prioritario garantire che le proprie SERP restino autorevoli e presentino contenuti di qualità.

L’impatto, secondo le prime stime, riguarderà circa il 5% delle query, con significative variazioni a seconda della lingua. Tra i cambiamenti più rilevanti, anche una riduzione dei risultati visibili agli utenti: per alcune ricerche gli utenti potrebbero vedere solo i risultati più rilevanti e non saranno quindi più assicurate 10 pagine web per SERP.

Grazie all’aggiornamento del suo algoritmo, Google annuncia che sarà in grado di dare filo da torcere agli spammer che sfruttano le vulnerabilità dei siti web per iniettare contenuti dannosi, malware o addirittura traffico verso altri siti di bassa qualità per peggiorare il ranking. Ecco l’impegno che si assume Google nei confronti degli utenti: “We are aggressively targeting hacked spam in order to protect users and webmasters.”

In che misura influirà l’aggiornamento dell’algoritmo sul nostro sito web?
Prima di tutto, è necessario ribadire quanto sia fondamentale controllare periodicamente lo stato di salute del nostro sito web. Solo controllando Search Console e soprattutto Google Analytics, assicurandoci che non ci siano falle, è possibile evitare eventuali penalizzazioni da parte di Google. Prevenire è sempre meglio che curare e allo stesso modo dobbiamo procedere con la manutenzione del nostro sito. Solo così sarà possibile mantenere la visibilità organica costante nel tempo.

Fabio Ferretti
Fabio Ferretti
CTO