seo-white-hat

News

Ottimizzazione SEO: 3 Tecniche White Hat per fare Link Building

Sicuramente sarai già al corrente di quanto sia importante l’attività di Link Building dal punto di vista dell’ottimizzazione dei siti internet. Al giorno d’oggi questa pratica è considerata quasi una vera e propria arte che punta ad acquisire link di valore per scalare i motori di ricerca e cercare di raggiungere i vertici della SERP.

Ma quali sono le strategie più efficaci da adottare per ottenere una rete di backlink di qualità? Hai mai sentito parlare di White Hat SEO? Se così non fosse, nessun problema… rimedieremo subito!

Dal punto di vista dell’ottimizzazione seo per i motori di ricerca, le strategie di White Hat sono quelle pratiche SEO ritenute affidabili, sicure e a prova di penalizzazione perché orientate al pubblico e agli utenti e non al mero posizionamento. Queste tecniche sono molto utili poiché rispettano le direttive SEO fornite dai gestori dei motori di ricerca e puntano a raggiungere un buon posizionamento nel medio/lungo periodo, garantendo così un significativo ritorno dell’investimento. Se dunque intendi aumentare la visibilità del tuo sito, raggiungere un buon posizionamento nel lungo periodo e aumentare il traffico, le strategie di White Hat SEO sono sicuramente le più convenienti: essendo legate all’effettiva qualità del tuo sito internet, ti permetteranno di disporre di basi solide, come parole chiave inserite in contenuti autorevoli e link mirati, scambiati esclusivamente con altri siti considerati altrettanto affidabili dai motori di ricerca. Sicuramente adottare un approccio di questo tipo non porterà benefici immediati, ma è altrettanto vero che per ottenere buoni risultati nel posizionamento organico occorrono tempo ed impegno costante! Di qui la decisione di elencare, nel post di oggi, 3 tecniche White Hat a nostro avviso fondamentali dal punto di vista di Link Building, di Link Earning e della Link Popularity:

1. Content Marketing

Per fare Content Marketing ai fini della Link Building non servono grandi accorgimenti: ti basterà realizzare contenuti originali, dettagliati e completi, che trattino di un argomento specifico in maniera esaustiva e possibilmente più approfondita rispetto alla concorrenza.Altrettanto utili sono le Guide in formato PDF, dove ti sarà possibile spiegare come risolvere un problema o come raggiungere determinati risultati in uno specifico settore. A questo proposito possono aiutarti molto anche le infografiche: grazie al loro notevole impatto visivo esse ti permettono di illustrare facilmente e in formato grafico, le statistiche e i dati acquisiti su un determinato tema, rendendone più chiari i concetti. Se realizzerai contenuti originali e di qualità, attirerai l’interesse degli utenti che ne percepiranno il valore e l’utilità e saranno quindi più propensi a condividerli in maniera spontanea sui loro siti, blog o addirittura sui loro profili social, contribuendo così ad aumentare la visibilità del contenuto da te realizzato.

2. Guest Blogging

Il Guest Blogging, identificato anche con il termine guest post, è un’altra strategia molto efficace per fare link building, poiché incredibilmente utile a costruire autorevolezza intorno al tuo brand o sito.

Per fare Guest Blogging occorre prima di tutto individuare un blog autorevole che tratti di argomenti affini a quelli trattati sul tuo sito, o semplicemente puoi rivolgerti ad una web agency che ti aiuti nel farlo. Il secondo passo consiste invece nel realizzare un contenuto di grande valore, che possa risultare interessante per l’autore del blog e per i suoi lettori. A questo punto, il seguente step consiste nel cercare un contatto diretto con il gestore del blog per verificare la sua disponibilità ad accettare di “ospitare” gratuitamente sul suo sito o blog, il tuo articolo. Nel caso in cui il blogger o webmaster si dimostrasse disponibile ad accogliere i contenuti sul suo spazio web, il gioco è fatto! Una volta pubblicato l’articolo, entrambe le parti possono trarne beneficio: uno scambio equo, nel quale tu potrai ottenere un link in firma nella bio autore del post e il blog ospitante un contenuto valido in più per i suoi lettori.

3. RoundUp Posts

I Roundup Posts sono molto utili ai fini della link building poiché vengono pubblicati su un blog e comprendono le opinioni di un gruppo di influencer, ovvero utenti con migliaia di seguaci sparsi sui vari social network. Gli influencer sono ormai figure da non sottovalutare, talmente importanti da fare tendenza e creare seguito. Una volta pubblicato il post, essi vanno a condividerlo sui loro canali, contribuendo a generare interesse, nuovi link e un maggior numero di visite. Un Roundup Post è quindi utile sia dal punto di vista SEO che della brand awareness.

Quali sono gli step da seguire in questo caso?
Come prima cosa cerca un blog in un settore affine con gli influencer e fai in modo che abbia un minimo di notorietà nel suo ambito di pertinenza. In questo modo ti sarà più facile coinvolgerli per ottenere un feedback. Una volta trovato il blog che fa al caso tuo, dovrai crearti una lista di influencer ai quali inviare le tue domande. Una ricerca su Google o direttamente su Twitter potrà esserti molto utile a questo proposito. È consigliabile creare una relazione con gli influencer prima di inviargli una mail a freddo con le domande, quindi cerca di trovare un punto di interesse comune per rompere il ghiaccio. Un metodo efficace per interagire con loro in modo diretto è quello di commentare regolarmente le varie notizie e status che pubblicano tramite i loro profili o pagine social. Arrivato a questo punto scegli un argomento che possa stimolare il loro interesse e fai in modo che le tue domande risultino interessanti! Ricordati di inviare a ciascun influencer una mail ad personam per sottoporre le domande. 

Per il Roundup post 5 domande saranno più che sufficienti, quindi non esagerare! Di solito gli influencer sono professionisti affermati e potrebbero non avere troppo tempo da dedicarti. Se avrai selezionato bene gli influencer e sarai riuscito a coinvolgerli con domande interessanti, sicuramente otterrai un feedback positivo.

Per concludere: I link sono la linfa vitale di una strategia SEO che si rispetti, poiché sono da sempre il principale fattore di posizionamento organico sui motori di ricerca. Senza link di valore, il tuo sito non otterrà mai un buon ranking su Google. Prova quindi ad affidarti alle tecniche White Hat… il risultato potrebbe sorprenderti!

Claudio Migliorati
Claudio Migliorati
SEO Specialist