News

Bing Tell Me: Microsoft arriva in coda

La notizia sta facendo il giro del mondo ed è sempre più insistente. Pare infatti che Microsoft sia pronta a raccogliere, ancora una volta, la sfida della Apple, rispondendo a colpi di innovazione.

Questa volta si tratta di Tell me Bing. Vediamo di cosa si tratta.

Tell me Bing: l’assistenza vocale Cortana

Da come si evince dalle innumerevoli novità in corso, gli assistenti vocali ricopriranno un ruolo sempre maggiore, per questo Microsoft non potrà sottrarsi dalla possibilità di crearne uno ad hoc, seppur ciò significherebbe ispirarsi al colosso Apple.
Spesso, infatti, accade che il colosso di Cupertino spiani la strada agli altri, introducendo applicazioni in grado di semplificare l’esperienza mobile.

Per questo motivo, la risposta di Microsoft ci sembra scontata. I rumors parlano di un nuovo progetto Microsoft che ricalchi Siri e Google Now. Il suo nome sarà Bing Tell me, l’assistenza vocale che risponderà automaticamente ed immediatamente alle domande poste, tuttavia è un privilegio che abbiamo già visto con Apple e Google:

  • Siri, presentato dalla Apple il 4 ottobre 2011 e lanciato ufficialmente il 12 ottobre;
  • Google Now, presentato il 29 aprile 2012 e lanciato ufficialmente il 9 Luglio 2012.
Bing-Tell-Me

L’indiscrezione ci dice che ad Aprile, in occasione della conferenza Build 2014, debutterà l’assistente vocale Bing Tell Me in versione Beta per alcuni dispositivi Lumia in accordo con l’aggiornamento Windows Phone.
Inizialmente, infatti, sarà un’applicazione supportata esclusivamente da Windows Phone 8.1 e solo in autunno arriverà sui dispositivi iOS e sui PC desktop con Windows 9. La piattaforma risponderà al nome di Cortana, conosciuta come l’intelligenza artificiale del famoso videogames Halo, e, nella versione inglese, sarà doppiato dall’attrice Jen Taylor. Un vero asso nella manica, quello di Microsoft, che mira a soddisfare i suoi “fedeli” sfruttando come espediente – anche pubblicitario – proprio il videogioco più amato dai virtual lovers.

Ovviamente non potrà rimanere un’applicazione sullo stampo degli altri ma il suo concept verrà integrato da elementi in grado di differenziarlo sul mercato e renderlo più competitivo.
Non avrà esclusivamente la funzione di assistere ma diventerà il cuore nevralgico della shell di servizi in grado di:

  • interfacciarsi con Bing e tutti gli altri servizi;
  • supportare le versioni dei sistemi operativi Windows Phone, Windows e Xbox One;
  • migliorarsi in tempo reale grazie all’accesso al magazzino informazioni di Bing;
  • attivarsi con il semplice comando vocale Bing Tell Me, intuendo domande sul meteo e le indicazioni stradali, come

    “.. will it rain today?”
    “.. when’s my next meeting?”
    “.. how do I get to the American Airlines Arena?”

Cortana sarà capace di interagire con l’utente in maniera intelligente, “affiancando la sua mente” e fungendo non solo come promemoria per appuntamenti ed incontri ma anche come fonte di intrattenimento, rispondendo a domande curiose.
Ad ogni modo, attualmente si tratta di voci non ancora rese pubbliche ma ci piace pensare che nel vasto panorama tecnologico sia presto in arrivo qualcosa di nuovo.
Le tre grandi teste di Apple, Google e Microsoft, ancora una volta, si sono trovate a scontrarsi. Quali saranno le prossime mosse?

Attendiamo gli ulteriori sviluppi e aspettiamo Aprile 2014 per la “rinascita” di Microsoft.

Fabio Ferretti
Fabio Ferretti
CTO